Sono Daniela
L'impulso Mancante
Sclerosi Multipla
Glossario

    farmaci

   L'amore Cosciente

    L'Isola dell'amore

    Ala Spezzata

   Dubbi sulle cure

   Petalo di Farfalla

   Ringraziamenti


La storia di sempre:
Più vicini alla Mecca, più lontani da Allah
Più vicini alla Chiesa, più lontani da Gesù
Più vicini allo Stato, più lontani dalla Giustizia


L’IMPULSO MANCANTE.

Storia di DannyF: di corsia in corsia, speranza verso il cielo sereno.

Non è stato semplice prendere la decisione di cercare aiuto tramite Internet ma, tutto sommato, come si suol dire il gioco potrà valere la candela e chi non risica non rosica.

In tutti i modi tenendo in considerazione quanto segue: i buoni presupposti con cui tramite questo mezzo di comunicazione si possono avere, il buon rapportarsi e relazionarsi, che altre persone possono trovarsi nella mia stessa condizione di richiesta d’aiuto (indescrivibile situazione che non augurerei a nessuno) , che Internet possa avere anche un sano fine divulgativo medico, libero da condizionamenti, pregiudizi, boicottamenti e limitazioni alcune, affinché possano essere messe alla luce cose di una certa importanza, propagandare una sana e corretta informazione medica in modo che si possa rispettare appieno il giuramento d’Ippocrate (una raccolta di regole etiche e comportamenti che regolano e guidano le azioni dei medici, tra esse cito quella che riguarda l’astenersi all’accanimento diagnostico e terapeutico) ; in tal modo si potrà, secondo coscienza, arrivare al termine della giornata dormendo tranquillamente, senza inquietudini alcune, potendo arrivare a trascorrere una serena vecchiaia in quanto si ha la coscienza pulita, essendosi essa risvegliata e le menti convertite ad una sana ricerca medica, affinché si possa operare al meglio per il bene della collettività.

Considerando tutte le su elencate premesse, ho così deciso di raccontare la mia storia: il mio nome è DannyF, ben volentieri, dando una mano, partecipavo alle attività proposte dalla parrocchia della città in cui vivo, sono nata sana, ho iniziato a vivere normalmente, la scuola, che paradosso e beffa nella beffa: ero insegnante di sostegno, avevo indirettamente e teoricamente a che vedere con l’handicap, era remota in me l’ipotesi che anch’io un di la dovessi fronteggiare ma, ignara, quel fatidico giorno si stava avvicinando per me…; lo sport, gli amici, avevo interessi vari che riempivano le mie giornate, ho sempre amato, rispettato e mai sfidato la vita in tutti i suoi più semplici (ma per me significativi) aspetti che il più delle volte si danno per scontati e non si apprezzano; tra le altre cose erano in corso i preparativi per il giorno in cui io dovevo spegnere le mie candeline, in occasione del festeggiamento del mio compleanno e mai mi sarei potuta immaginare di poter ricevere un “regalo” così tanto particolare.

<continua>